Getter Robot G

Written by on 4 Agosto 2020

Getter Robot G, l’inizio dell’evoluzione.

La trasmissione in Italia delle 2 serie animate di Getter Robot è stata travagliata, sulla falsa riga di Mazinga Z, negli anni in cui imperversavano le polemiche post-Goldrake. Infatti nel mese di Giugno del 1980, su varie emittenti locali, e con date differenti, si dava inizio alla trasmissione di Getter Robot G, mentre la prima serie di Getter Robot veniva interrotta all’episodio 39, noi vedevamo nascere questo nuovo robot trasformabile, più grande, più forte e con più armi a disposizione. I più fortunati avevano già potuto ammirare questo nuovo e potentissimo robot, nel 1979 al cinema, nel film “Gli Ufo Robot Contro Gli Invasori Spaziali”, purtroppo con i miei soli 4 anni di allora, non ho avuto questo privilegio. Dal 9 febbraio 2017, abbiamo potuto vedere la serie completa in italiano, sul canale “Mangà”, e sono stati commercializzati i DVD. In generale l’ambientazione si fa più cupa, vengono coinvolti spesso dei civili, trasformati in demoni. Nella prima serie, le battaglie si svolgevano prevalentemente nei pressi del Monte Asama, vicino al laboratorio o nel regno dei dinosauri. In Getter Robot G la storia cambia, vengono attaccate le città, ci sono spie ovunque, esseri umani trasformati in demoni. Quella dell’impero dei 100 demoni, è una vera e propria strategia di conquista del mondo, e infatti il loro è un vero e proprio esercito, che ha come base l’inespugnabile isola fortificata e dispone di molte altre basi segrete, tra le quali una fonderia sottomarina e di una fortezza volante. In Giappone la serie va in onda il 15 maggio del 1975, trasmessa su Fuji TV. La serie animata è legata al primo Getter Robot, a partire dai creatori, Go Nagai e Ken Ishikawa, il character disign Kazuo Komatsubara, le musiche di Shunsuke Kikuchi e la voce di Isao Sasaki.

 

Colonna sonora, sigle

La sigla di apertura è sempre la stessa, “Getter Robot!“, testo di Go Nagai, musica di Shunsuke Kikuchi, cantata da Isao Sasaki, mentre cambia la sigla di chiusura che diventa “Fumetsu No Machine Getter Robot”, testo di Izumi Takashi, voce di Isao Sasaki. In particolare viene composta una nuova BGM che accompagna gli attacchi del nemico dal titolo “Hyakki Robotic Missions”, che da l’idea del pericolo che incombe. 

La sigla italiana si intitola Jet Robot, testo e musica di Vito Tommaso, cantata dai Minirobots. A differenza della sigla italiana della prima serie (Space Robot), il testo è più inerente all’anime, pur avendo un nome diverso. Infatti la song parla di unione (gattai) e di 3 amici che combattono insieme, “l’unione fa la forza”.

 

La storia

Musashi Tomoe, pilota del Getter 3, ha appena sacrificato la sua vita per sconfiggere il regno dei dinosauri. Nemmeno il tempo di piangere la sua morte, che un nuovo nemico lancia il suo attacco all’umanità, il Regno dei 100 demoni. Il primo episodio parte con il Getter 1 che viene bruciato in onore a Musashi, mentre il professor Saotome rivela alla squadra di aver da tempo costruito un nuovo Getter Robot ancora più forte, per far fronte alla nuova minaccia demoniaca. Occorre però trovare un nuovo pilota per sostituire Musashi. Nei pressi della base il piccolo Genki si imbatte in uno scontro tra Benkei Kuruma, un giocatore di baseball, e 2 squadre di kendo e judo. Il ragazzone fa fuori con un colpo 12 uomini e una volta giunto alla base, per riparare un modellino aereo di Genki, viene dimenticato sul simulatore di allenamento, che dovrebbe essere durissimo. Invece Benkei si è semplicemente addormentato, dimostrando una forza e una resistenza degne di un pilota della squadra getta.

 

Personaggi principali

Ryoma Nagare (Ryo in Italia), pilota la navetta Dragon ed il Getter Dragon. Passa gran parte del tempo libero con Hayato, con il quale condivide la passione per il calcio. Come nella prima serie continua ad essere il leader della squadra.

Hayato Jin, pilota la navetta Liger (Rygar in Italia) e il Getter Rygar. Rispetto alla prima serie è molto più integrato nella squadra e nel finale sarà decisivo per la vittoria conclusiva.

Benkei Kuruma, pilota della navetta Poseidon e del Getter Poseidon, prende il posto di Musashi Tomoe. Fin da subito dimostra una forza e una resistenza eccezionali. Odia combattere, ama la natura, gli animali e la tranquillità, ma dopo qualche riluttanza, accetta di entrare nella squadra getta. Nel tempo libero gioca a baseball, e infatti quando pilota il Getter Poseidon indossa l’abbigliamento di un ricevitore.

Michiru Saotome, pilota la Lady Command, un nuovo apparecchio getta che sostituisce la vecchia Navetta Comando. Il suo ruolo rimane sempre lo stesso della serie precedente, ma con una decisione e autorevolezza crescente. Nel finale della serie si metterà ai comandi del Getter Rygar al posto di Hayato, dimostrando tutta la sua bravura e determinazione.

Professor Saotome, lo scienziato che ha scoperto l’esistenza dei raggi getter, all’apparenza sembra un uomo bonario e trasandato, ma il suo aspetto nasconde una mente geniale. Porta sempre ai piedi un paio di Geta, ovvero le caratteristiche ciabatte infradito di legno giapponesi, ed una cravatta rossa a pois bianchi, che lo rendono unico tra i suoi illustri colleghi, costruttori di robot. La sua determinazione è assoluta, mantiene sempre la calma ed ha uno spirito di sacrificio assoluto. A mio parere è anche il più simpatico e comprensivo fra direttori dei tanti laboratori di altri anime robotici. Una curiosità è che non si sa il nome del Professore, non viene mai chiamato per nome in nessun anime o manga della saga, ma naturalmente se qualche mostriciattolo studioso lo scoprisse, può scriverlo nei commenti.

Ci sono poi una serie di personaggi tra i quali Genki Saotome, il piccolo della famiglia, Ritsuko Saotome, moglie del Professore e lo strampalato scienziato Mongi Okare, che si è guadagnato un cameo nel film Mazinga Z Infinity.

 

 

Personaggi nemici

Imperatore Brai, il capo della tribù dei 100 demoni, un demone spietato che ha come unico obbiettivo la conquista della terra. I suoi sottoposti si rivolgono a lui con un saluto che ricorda molto quello nazista.

Maresciallo Hidler, è una sorta di primo ufficiale che guida le battaglie. Il nome e il suo aspetto sono un’altro riferimento al nazismo, ma i suoi fallimenti e il suo modo di comportarsi, lo fanno apparire debole e vulnerabile. Nel corso della serie è anche protagonista di molti gesti spregevoli, anche verso i suoi simili, tutto pur di mantenere il suo potere.

Dottor Guller, lo scienziato responsabile della costruzione dei demon-robot, saggio consigliere dell’imperatore, fa parte di un classico delle serie robotiche future, nelle quali ci sarà quasi sempre un re e 2 sottoposti, uno di stampo più militare e l’altro scientifico.

 

I tre nuovi robot

Getter Dragon, in questa seconda serie, i robot hanno un nome che richiama l’aspetto e il carattere del personaggio. Dragon è il robot pilotato da Ryoma, simbolo di saggezza, si addice al comandante della squadra. La sua testa a 5 punte richiama l’aspetto di un dragone. Le sue armi sono il raggio getta, che viene lanciato dalla fronte, le lame rotanti poste sugli avambracci e il tomahawk, un’arma versatile che funge anche da boomerang o in una versione con il manico che si allunga. Un’arma che riflette la passione di Go Nagai per i nativi americani, che rivedremo in tante sue opere come Battle Hawk e Aztekaiser. Infine la scarica luminosa, un concentrato di energia che avvolge il Dragon, per poi essere scagliata sul nemico. La prima vera arma finale della storia dei robot, che ha però il difetto di azzerare completamente l’energia a disposizione.

Getter Rygar, ovvero Liger nella traduzione originale. Il nome deriva da ligre, un incrocio tra un leone maschio e un tigre femmina. Questo animale è conosciuto anche per essere il più grande felino dei tempi moderni. La forza di un leone e la velocità di una tigre, solo Hayato poteva pilotare un robot con questo nome. Il suo punto di forza è la velocità e può combattere in volo, a terra e anche sotto terra, grazie alla trivella posta sul braccio destro. Le sue armi sono contenute nel versatile braccio sinistro, la catena d’attacco e il missile Rygar. Può raggiungere la velocità di mac 5, e usarla per diversi attacchi. Questo fa di lui il robot più veloce della squadra.

Getter Poseidon, il dio del mare. Robot pilotato da Benkei, può anch’esso volare e combattere ovunque, ma le sua armi sono pensate principalmente per i fondali marini o dei laghi. La particolarità di questo robot è che la sua testa si distingue molto bene anche sulla navetta, prima della trasformazione. E’ dotato di gambe che all’occorrenza si trasformano in cingoli. Rispetto al Getter 3 ha un aspetto più umanoide, una chiara evoluzione che seguiva un mercato dei giocattoli sempre più esigente. Le sue armi sono i missili dorsali, la rete getta, che viene fuori dalla mano del robot, una sorta di rete da pesca a lancio, tipica dei piccoli pescatori e il ciclone getta, un vortice alimentato da una turbina posta sul collo del robot.

 

Doppiaggio

I doppiatori principali sono gli stessi della prima serie, vengono confermati Romano Malaspina (Ryo), Massimo Rossi (Hayato), Laura Boccanera (Michiru), Diego Reggente (Prof. Saotome), Fabrizio Vidale (Genki). Altri doppiatori della prima serie ricevono un nuovo personaggio a cui dare la voce, Enzo Consoli viene confermato come terzo pilota e passa da Musashi a Benkei, Vittorio Di Prima passa da un cattivo all’altro, Prima Imperatore dei dinosauri e poi il Maresciallo Hidler. Giorgio Locuratolo confermato alla voce di Mongi, passa dal Grande Diavolo Uller della prima serie a Guller, sostituendo nella seconda parte il primo doppiatore ovvero Diego Michelotti. Ma la voce storica del famoso Alcor riecheggia per entrambe le serie in vari personaggi secondari. Entrambe le serie sono state completate dalla Yamato Video nel 2016. Gli episodi inediti sono stati doppiati con delle nuove voci. tra le principali: Massimiliano Virgili (Ryo), Loris Loddi (Hayato), Gianluca Tusco (Benkei), Ilaria Latini (Michiru), Pino Insegno (Hidler). Diego Reggente viene invece riconfermato come voce del Prof. Saotome.

 

Curiosità

 

Nel manga il Dragon ha una storia particolare, sembra quasi prendere vita, quando porta via con se Benkei, sprofondando sottoterra, il suo aspetto è quello di un drago gigante. Questo concetto verrà poi ripreso in “Shin Getter Robot, the last day”, dove innumerevoli Getter Machine Dragon, Rygar e Poseidon, andranno a formare lo Shin Dragon, il primo Getter Robot che a tratti sembra avere una vita propria, dettata dai raggi getter. Il “change” è alla base del successo dell’intera saga Getter, e Getter Robot G è senza dubbio lo spartiacque tra due ere robotiche dell’animazione giapponese.

 

 

 

Diego Getter
Author: Diego Getter

Change Getter 2! Switch On!


Reader's opinions

Leave a Reply


Continue reading

PianetaB WebRadio

Un Pianeta di Sigle e BGM a portata di un clik!

Current track
Title
Artist