Curiosità

La nascita dell’animazione giapponese

todayNovembre 7, 2023 203 2

Sfondo
share close




La nascita dell’animazione giapponese

 

L’animazione giapponese, conosciuta come “Anime” (Animation), è diventata negli anni, che potremmo ormai definire anche secoli, un’arte popolare e un fenomeno globale con milioni di fan in tutto il mondo. Tuttavia, per comprendere appieno l’eccezionale mondo animato giapponese sul quale diversi saggi e saggisti si son prodigati, è doverosamente necessario fare un viaggio nel tempo ed esplorare le sue radici profonde che risalgono a oltre un secolo fa.

Le prime tracce di animazione in Giappone risalgono alla fine del XIX secolo, quando il paese si stava sempre più aprendo all’influenza culturale straniera dopo un periodo conservatore lungo secoli.

 

Le “Lantern slides” (Lastre luminose), utilizzate inizialmente per scopi educativi, furono tra le prime forme di animazione visiva introdotte in Giappone. Queste, prevalentemente prodotte in Occidente, venivano utilizzate in occasioni speciali e di convivialità per rappresentare scene di vita quotidiana o racconti folkloristici locali.

Nel 1917, il pioniere dell’animazione giapponese, Jun’ichi Kōuchi, realizzò il primo cortometraggio animato giapponese noto come “Namakura Gatana” (La Spada Pigra). Questo cortometraggio, con il suo stile comico, fu influenzato dagli stili di animazione occidentali e rappresentò un importante punto di partenza per l’animazione giapponese.

 

Negli anni ’50, l’animazione in Giappone stava iniziando a prendere forma come un’industria. Nel 1956, la “Toei Animation” fu fondata come la prima grande casa di produzione di Anime giapponesi. Questa mossa è stata fondamentale nel definire il futuro dell’animazione nel paese. Nel 1959, la “Toei Animation” produsse il suo primo lungometraggio, “Shonen Sarutobi Sasuke”, che riscosse un notevole successo commerciale. Questo segnò l’inizio di un’epoca d’oro per l’animazione giapponese.

 

Gli anni ’60 e ’70 sono comunemente noti, infatti, come l'”era d’oro”. 

Durante questo periodo, furono creati molti Anime iconici che hanno avuto un impatto duraturo sulla cultura popolare giapponese e internazionale. “Astro Boy” (Tetsuwan Atom dal manga omonimo), creato da Osamu Tezuka, fu uno dei primi anime di grande successo e contribuì in modo significativo a definire il concetto di anime.

Altri Anime come “L’Uomo Tigre” (Tiger Mask), “Heidi”, “Mazinga Z” e “Lupin III” conquistarono il pubblico non solo in Giappone ma anche in tutto il mondo. Questi anime hanno spaziato dai generi dell’avventura all’azione, dalla fantascienza al fantasy, portando così una varietà di storie e personaggi a un pubblico globale.

Negli anni ’80 e ’90, l’industria animata giapponese ha continuato a crescere e a evolversi consolidando un business artistico/commerciale senza eguale secondo, forse, solo agli Stati Uniti. Nuove case di produzione hanno iniziato a emergere, e gli stili e i generi dell’animazione si sono diversificati notevolmente. La popolarità dell’animazione giapponese si è estesa in tutto il mondo, con anime come “Dragon Ball”, “Sailor Moon”, e “Naruto” che hanno conquistato un vasto pubblico internazionale.

Oggi, l’animazione giapponese continua a prosperare. Il Giappone è noto per la sua produzione di Anime di alta qualità in vari generi, tra cui azione, fantascienza, romance, e molto altro andando a toccare temi profondi e socialmente scomodi maggiormente “digeriti” dall’opinione pubblica rispetto a produzioni in “Live Action”. L’animazione giapponese ha influenzato non solo l’industria dell’intrattenimento, ma anche la cultura popolare in tutto il mondo, con un seguito globale di appassionati e fan dedicati.

In conclusione, senza presunzione alcune e senza possibilità di avvicinarsi a saggi, che consigliamo per approfondire un argomento quanto vasto e quanto ricco, l’animazione in Giappone ha una storia ricca e affascinante che si è evoluta nel corso dei decenni, passando da influenze straniere iniziali a diventare un pilastro della cultura popolare giapponese e mondiale. La passione e la creatività degli animatori giapponesi hanno contribuito a creare un mondo di storie e personaggi che continuano a incantare e ispirare le persone in tutto il mondo. Il viaggio dell’animazione giapponese è un’epopea di innovazione, arte e intrattenimento che non mostra segni di rallentamento. E noi lo sappiamo bene.

 

 

 

Kappa
Author: Kappa

Where no Radio has gone before!

Scritto da: Kappa

Rate it

Commenti post (0)

Lascia un commento


0%